Sintesi procedure con e senza parere della commissione di vigilanza

1) Licenza di esercizio per attività di pubblico spettacolo senza parere della Commissione di Vigilanza con applicazione del TITOLO IX D.M. 19 agosto 1996 [1]

In quali casi si verifica

  • Se l’evento si svolge in uno SPAZIO APERTO
    N.B.: chiostri, cortili, spazi delimitati da cancellate o simili sono assimilabili a SPAZI CHIUSI e rientrano quindi nel caso successivo (Procedura con Parere della Commissione di Vigilanza)
     
  • e si verificano tutte le seguenti condizioni:
    I.   NON vi sono strutture per lo stazionamento del pubblico, quali tribune e sedie;
    II.   palchi, pedane, strutture ed attrezzature elettriche, comprese quelle di amplificazione sonora, sono collocate in aree non accessibili al pubblico (per esempio si trovano in aree transennate).

N.B. per le manifestazioni di grande rilevanza che si tengono in spazi ampi (ad esempio piazze) e che presuppongono l'installazione di un palco e di impianti di diffusione di elevata potenza, indipendentemente dall'utilizzo o meno di impianti e strutture per lo stazionamento del pubblico (sedie, tribune, ecc) sarà necessario sottoporre l'istanza e la relativa documentazione tecnica all'esame della Commissione Comunale di Vigilanza.

Cosa si deve fare

E’ necessario compilare la sezione n. 9 del modulo integrato.

2) Licenza di esercizio per attività di pubblico spettacolo con parere della Commissione di Vigilanza

In quali casi si verifica:

  • Se l’evento si svolge in uno SPAZIO CHIUSO            
    N.B. anche un chiostro, un cortile o uno spazio aperto delimitato da cancellate o simili
  • o se si verifica anche una sola delle seguenti condizioni:
    I.   vi sono strutture per lo stazionamento del pubblico, quali tribune, sedie e transenne per il contenimento
    II.   palchi, pedane, strutture e attrezzature elettriche, comprese quelle di amplificazione sonora, sono collocate in aree accessibili al pubblico

Cosa si deve fare:

E’ necessario compilare l’apposita sezione n. 10 del modulo integrato, allegando in triplice copia i seguenti documenti obbligatori oltre a quelli necessari indicati nel libretto ”Regole di funzionamento e Documentazione tecnica a corredo delle domande per l’avvio dei procedimenti di agibilità”:

 Vedi allegato 5) ”Regole di funzionamento e corredo delle domande per l’avvio dei procedimenti di agibilità”

  • Relazione tecnica descrittiva, a firma di tecnico abilitato, evidenziante
    - il tipo di manifestazione e le modalità di svolgimento,
    - i requisiti di resistenza al fuoco degli elementi strutturali,
    - le caratteristiche di reazione al fuoco;
     
  • Elaborati grafici in scala 1/100 del locale/spazio, a firma di tecnico abilitato evidenziante
    - l’affollamento,
    - la sistemazione dei posti a sedere,
    - gli accessi e le uscite di sicurezza con i relativi percorsi di esodo,
    - la disposizione del tipo di arredo e di allestimento,
    - l’ubicazione dei servizi igienici;
     
  • Descrizione generale di ogni tipologia di struttura installata, firmata da tecnico abilitato, indicante
    - i materiali e le modalità di utilizzo,
    - i carichi e sovraccarichi,
    - le modalità di ancoraggio,

Occorre inoltre presentare duplice copia della Dichiarazione di idoneità delle strutture ai carichi previsti e del Progetto relativo all’impianto elettrico.

Nel caso di applicazione dell’art. 4 lett. b) D.P.R. 311/2001 è necessario allegare, inoltre, una Relazione di asseverazione a firma di tecnico abilitato con la quale si attesta che la configurazione, le strutture e gli impianti installati non sono mutati rispetto alla precedente manifestazione approvata dalla Commissione Comunale/Provinciale di Vigilanza con verbale avente data non anteriore ai due anni, da allegare in copia.

La documentazione utile ai fini della valutazione da parte della Commissione deve essere prodotta entro 12 giorni prima dell’evento.

 

La Commissione di vigilanza esamina la documentazione e:

a.     esprime un parere positivo o negativo

b.    determina eventuali prescrizioni

c.     effettua un sopralluogo[2] in esito al quale richiede la documentazione sotto riportata, ove necessaria:

 

  1. Certificato di collaudo statico a firma di tecnico abilitato per tutte le strutture installate.
  2. Dichiarazione di corretta installazione e montaggio per ogni struttura installata, a firma di tecnico abilitato.
  3. Dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico di cui alla legge  DM 37/08 a partire dal punto di consegna dell’Ente erogatore, a firma della ditta installatrice e/o verbale di collaudo a firma di tecnico abilitato.
  4. La predetta dichiarazione di conformità dovrà essere comprensiva degli allegati obbligatori e del progetto dell’impianto aggiornato secondo quanto effettivamente realizzato, a firma di tecnico abilitato e la relazione tecnica indicante la tipologia dei materiali utilizzati nonché eventuali schede tecniche e certificati dei materiali medesimi. Nel caso di impianto elettrico derivato da impianto fisso esistente dovrà essere rilasciata da tecnico abilitato una dichiarazione attestante che l’impianto nel suo complesso, a partire dal punto di alimentazione dell’impianto fisso, è rispondente alle norme vigenti. Dovrà inoltre essere sempre disponibile la dichiarazione di conformità dell’impianto fisso e la documentazione attestante la corretta esecuzione della manutenzione e delle verifiche periodiche.
  5. Certificati di omologazione attestanti la classe di reazione al fuoco dei materiali di rivestimento e di arredo posti in opera, corredati della rispettiva dichiarazione di conformità e da una dichiarazione da cui risulti che le condizioni di impiego e di posa in opera di detti materiali sono conformi a quelle indicate sui rispettivi certificati di omologazione nonché certificati di omologazione, conformità e corrispondenza in opera delle porte, portoni e sipari resistenti al fuoco, ove previsti.
  6. Dichiarazione di conformità dell’impianto di utilizzazione del gas alle norme UNI-CIG. Nei casi previsti dovrà essere prodotta la ricevuta dell’avvenuta presentazione del progetto al Comando Vigili del Fuoco.
     

N.B. Per i locali con capienza complessiva pari o inferiore a 200 persone, le verifiche e gli accertamenti della Commissione Comunale di Vigilanza (ma non il Parere) sono sostituiti da una relazione tecnica di un professionista abilitato.[3]

Si precisa che, nel caso in cui la documentazione in possesso del richiedente, relativa alla/e struttura/e da installare, sia redatta in lingua straniera, sarà necessario produrre una dichiarazione firmata da tecnico abilitato che attesti la conformità della/e struttura/e in questione alle normative italiane vigenti.

N.B. Nei casi di eventi teatrali, cinematografici e convegni/conferenze (in cui la Commissione di Vigilanza rilascia una Licenza di agibilità temporanea [4], nonché nel caso di spettacoli/manifestazioni temporanee fino ad un massimo di 200 partecipanti e che si svolgono entro le 24 ore del giorno di inizio (in cui la licenza di esercizio per attività di pubblico spettacolo è sostituita dalla SCIA), è necessario compilare la sezione n. 12 del Modulo Integrato.

 


[1] ­­­­­Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 12 settembre 1996, n. 214

 

[2] Art. 141 RD 635 del 6 maggio 1940 come modificato dall’art. 1 D.P.R. 6 novembre 2002, n. 293 “Per i locali e gli impianti con capienza complessiva pari o inferiore a 200 persone, le verifiche e gli accertamenti di cui al primo comma sono sostituiti, ferme restando le disposizioni sanitarie vigenti, da una relazione tecnica di un professionista iscritto nell’albo degli ingegneri, nell’albo degli architetti o nell’albo dei periti industriali o nell’albo dei geometri che attesti la rispondenza dei locali o dell’impianto alle regole tecniche stabilite con Decreto del Ministero dell’Interno.”

 

[3] Vedi nota 11.

 

[4] Art. 68 del TULPS come modificato dall’art. 164 comma 3 del DLGS 31 marzo 1998 n. 112;

 

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano.
Tutti i diritti riservati.